Il settimo seme di Persefone





I commenti ai post o a foto sono i benvenuti e liberi a tutti!!!





giovedì 11 novembre 2010

Street Poetry

L'altro giorno ho accompagnato Yin a lavoro, poi mentre me ne stavo andando vedo sul muro dei fogli fotocopiati e appiccicati alla rinfusa. L'impaginazione del testo e la suddivisione delle frasi fa sembrare che si tratti di frasi poetiche. Mi avvicino e leggo.
Si... è una poesia.


-Perdendo la bussola in una fredda notte d'estate.

Per altre ragioni ch'è inutile dirvi,
sbarazzerò le nuvole
e incastonerò il sole,
correrò fra boschi di arabeschi

urtando fiori
e annusando la terra.

Verrò dalla tua solitudine

abbandonando la mia nostalgia.



Ce ne sono altre. Le leggo. Alcune belle. Altre meno. Altre decisamente scarse.
Ma è interessante questo modo di aggredire il passante a colpi di ovatta. Di scuotere il torpore di questa anestesia a suon di carezze.
Ed è meravigliosa la loro anonima voglia di esporsi al pubblico ludibrio in una città beffarda e disincantata come Firenze. Il loro dissipare gemme e cazzatelle accanto a cacche di cane e muffe.

Se fra 100 offese, e 10.000 indifferenze, una persona avrà apprezzato quel che ha letto, sono certo che il poeta si sentirà intimamente più felice. Anche se non lo viene a sapere.

Su una poesia qualcuno ha aggiunto a penna: "sei matto".
Miglior commento per un poeta penso non ci possa essere.

Torno alla macchina.
Sarà una bella giornata, lo sento.

Yang

http://www.mep.netsons.org/

21 commenti:

  1. Sì, credo non ci sia complimento migliore che "sei matto"
    E che nulla possa gareggiare in squallidume con chi sotto le poesie ha scritto "affittasi per studenti".
    Sciacalli col registratore di cassa al posto del cuore.

    RispondiElimina
  2. goditela anche per me... che la mia fa schifo.
    starebbero bene a Roma, come i miei libri sul bancone della mia tintoria... c'è chi si meraviglia.
    buongiorno.
    ps. Zio, quelli sono gli imbrattatori da punire, ma... fanno parte di questo tratto di secolo ingordo solo di denaro... c'est la vie.

    RispondiElimina
  3. Che cosa meravigliosa! Grazie d'averla condivisa con noi! :-)

    RispondiElimina
  4. Grande idea la poesia per "imbrattare" i muri!

    Ps: ma la suora leggeva "la linea storta del mio cazzo"? :-)))

    RispondiElimina
  5. Scrivete la Divina Commedia sui muri

    RispondiElimina
  6. vorrei tanto conoscere i pensieri della suora.

    RispondiElimina
  7. attorno a noi tutto è "unico" ...
    la capacità di coglierlo è tutta in noi ...
    e così il piacere di continuare a stupirci ...

    spesso ciò che ci appare sgradevole ci dà questa impressione solo perché è troppo lontano dalla nostra attuale condizione.

    P&F

    RispondiElimina
  8. Poeti dal sottosuolo urbano...una bella idea.
    Nelle attese, nel grigiore, nel gelido autunno che si scioglie in pioggia...piccole goccie di anime ignote da decifrare....solo per anime attente.
    Buona giornata iO e ALice

    RispondiElimina
  9. ZIO e DEA, guardate che io non credo proprio che questi ragazzi del Movimento si incazzino per le cose atroci o candidamente viscide che trovano sulle loro creazioni. Loro stessi "imbrattano" muri storici e credo che si facciano quattro risate quando vedono che i loro fogli vengono "subappaltati" per i commenti più variegati. In quella foto accanto all'annuncio di affitto, c'è qualcuno che ha scritto "bellissimo". Trovo la cosa molto poetica. Al pari di chi ha scritto "te sei matto". Date un occhiata al sito. Ci sono altre foto molto divertenti.
    ps: Dea spero sia passata 'a nuttata. Bella la tintora libraia. Molto francese. Molto... Daniel Pennac.

    RispondiElimina
  10. Ebbene si JULES sono un romanticone. Con la fissa del sesso perverso. Eppure le mie due anime coesistono alla grandissima.

    RispondiElimina
  11. Grazie a te MINERVA di averla apprezzata.
    Bacione.

    RispondiElimina
  12. CARLOS, ovvio che leggeva quella... magari avrà pensato: "eh... che bella linea storta aveva Don Mariolino... bei tempi..." AHAHAHAHAH!!!

    RispondiElimina
  13. Ok INNERES. Ma tu però scrivi Guerra e Pace di Tolstoj.

    RispondiElimina
  14. Ciao SETA, i pensieri della suora li ho scritto nel commento a Carlos...
    ;-)

    RispondiElimina
  15. Ciao PAOLO. Ci vuol poco per evitare la depressione. Basta sapere cogliere la bellezza di queste piccole cose.

    RispondiElimina
  16. Dai un occhio al sito IOeALICE. Vedrai che ci sono cose davvero interessanti.
    Bacio

    RispondiElimina
  17. Guerra e Pace? Prima dovrei comprarlo o rubarlo.
    Vi va bene "Ragazzi di Vita" di Pasolini?

    RispondiElimina
  18. L'istinto sarebbe quello di ringraziare questo interessante spazio web per aver capito lo spirito del nostro movimento. Eppure ripensandoci mi sembra assurdo ringraziare qualcuno per aver capito qualcosa. Proverò a sciogliere la questione portandovi un saluto ed un augurio alla buona lettura. C'è bisogno di esporsi un po' al giorno d'oggi e questo probabilmente è superfluo ricordarlo qui.
    F.01

    RispondiElimina
  19. Grazie F.01. Siamo onorati che tu ci abbia rintracciato. Il vostro anonimato militante è degno delle 12 scimmie di "gilliamiana" memoria.
    Grazie soprattutto per quello che fate.

    YY

    RispondiElimina