Il settimo seme di Persefone





I commenti ai post o a foto sono i benvenuti e liberi a tutti!!!





giovedì 4 novembre 2010

Ho il ballo di San Vito e non mi passa

Sbagliare ad indossare le calze la mattina non è cosa, specie se la giornata si srotola dentro un ambiente chiuso, sconsigliabile se gli impegni non ti permettono di uscire, insopportabile se il "menù" prevede la tua permanenza su di una sedia di legno per diverse ore consecutive. Eh no, indossare calze con una trama irritante non è stata una gran volpata. Iniziato con un lieve pizzicore attribuito erroneamente ad una fastidiosissima zanzara, esso si è velocemente trasformato in un diffuso prurito. Ergo, dopo un ora di grattatine più o meno composte il mio corpo tarantolato ha iniziato a muoversi a scatti. La prima a scomporsi è stata la caviglia sinistra, battendo un tempo più o meno regolare, tanto che il mio vicino si è sporto per controllare che non avessi un auricolare collegato ad un I-Pod. Di seguito il ginocchio destro a battere contro il sinistro e a questo punto lo sguardo del curioso vicino suggeriva che avesse intuito io fossi un pò agitata. Alla contrazione ritmica di ogni gluteo, ho preso ad oscillare come una barca in preda ad una mareggiata. In un primo momento ho cercato di mascherare gli incontrollabili sussulti con un sorriso, come se il mio corpo rispondesse, tutto, ad un pensiero divertente, ma quando ho iniziato a mordicchiarmi le labbra allora ho capito che ero davvero nei guai. Seduta in quarta fila, avrei dovuto attraversare tutta la sala gremita di gente probabilmente in preda agli spasmi, attirando tutta l'attenzione su di me, nemmeno troppo convinta che sarei arrivata viva alla porta di uscita. Ho ritenuto così di tenerla come ultima opzione e mi sono concentrata nell'escogitare qualcosa che mi potesse salvare. I pensieri sono stati molti, taluni persino bellicosi tanto era il fastidio provato. In procinto di lanciare un finto allarme incendio la voce al microfono sussurra quelle 5 meravigliose, miracolose, provvidenziali parole.

FACCIAMO CINQUE MINUTI DI PAUSA ... ecosissia!

Con scatto felino, approfittando del fatto che dovevo scavalcare qualche gamba distesa, per celare la mia andatura claudicante, ho raggiunto la porta e mi sono fiondata in bagno. Inutile dire che della prima parte di giornata non ho ricordo alcuno se non che, uscita di casa con le calze, mi sono ritrovata ad un tratto con lembi di pelle scoperta, nonostante il calendario segni Novembre. Questa sera, con il raffreddore che incombe, posso però dire di avere scongiurato qualche dramma, non ultimo lo scorticamento isterico delle mie gambe.

Yin



12 commenti:

  1. ehilà, molto molto orticante :)))) mi fa venire in mente racconti del passato, quando mia nonna rimembrava calze pesanti e gonne e scale su cui inerpicarsi per pettinare i rami degli ulivi! Passava più tempo a grattarsi e a trattenere i lembi della gonna tra le ginocchia perché i porci uomini guardavano dal basso! E così fu la prima donna a indossare i comodissimi pantaloni! XXX:D un saluto

    RispondiElimina
  2. @Petrolio, che bella immagine. Vedi, anche quando descrivi un lampo di vita vissuta riesci a restituirci delle belle sensazioni. Certo ... come sono cambiati i tempi!!
    Yin

    RispondiElimina
  3. @Desire, te lo giuro, nemmeno io. Non so spiegarmi il perchè di questa idea malsana. Senza dubbio però questa esperienza mi ha ricordato uno dei motivi che mi ha spinto ad abbandonarli!!!
    Yin

    RispondiElimina
  4. post un filino contagioso (tipo quando sei a letto e pensi alle formiche...)
    sgrat sgrat sgrat... :D

    RispondiElimina
  5. Collant...brrr freddo...sempre rotti...
    L'arcano mistero di me e Alice?
    Bè iO sono femmina, Alice è parte di me..insomma siamo una duplice unità, c'è chi sosteneva di essere uno e trino, iO sono una e bina.

    Uhm..chiarito?

    Ciau e buon fine settimana iO e Alice

    RispondiElimina
  6. Mi hai fatto venire il prurito! I collant sono odiosi!

    RispondiElimina
  7. eh ragassaaa...Non sono sempre così! Comunque hai tutta la mia solidarietà, e anche a me veniva il ballo di San Vito!!!

    RispondiElimina
  8. come ti capisco...se posso non li metto . buona domenica ..zaj

    RispondiElimina
  9. @Zio, serve una mano discreta? ;-)
    @Alice and my world Tutto chiarissimo grazie ;-)
    @Valentina anche per te offro una mano per una grattata ... ci ho fatto il callo.
    @Seta in condivisione si balla meglio.
    @Inneres ... ed io che ti immaginavo con calze a rete e tacco 15 succhiarti un dito smaltato ... sarà per un'altra volta ;-)
    @Zaj ... benvenuta nel nostro blog ... per inciso ho già dato una sbirciatina al tuo ed è moooolto interessante! ora passo e lascio il segno.

    RispondiElimina