Il settimo seme di Persefone





I commenti ai post o a foto sono i benvenuti e liberi a tutti!!!





venerdì 8 ottobre 2010

Versace(ne) n'antro goccio


Molti non ci fanno neanche caso, talmente siamo imbevuti nella filosofia suicida del "più sei magro più sei figo". Se poi sei magro e ubriaco, sei figone Se sei magro, bevi come una spugna e ti droghi, mamma mia! Allora si, che sei un super figo de luxe edition.
Se poi sei pure ricco, beh... Che te lo dico a fare: Sei un modello.
Queste due tipe che vedete in foto sono modelle. Pertanto rappresentano un icona degna di assurgere a copia cui conformarsi.
Guardate le facce. La location. Le pose. Sono le tipiche facce della persona sfatta e strafottente. "Si, sono cotta, e allora? Sono ricca, secca come un chiodo, e mi posso permettere stracci che costano migliaia di euro. Quindi, che cazzo guardi???"
Secondo me è di un arroganza pazzesca.
La Repubblica, una settimana si e l'altra pure ci parla di quanto sia pericoloso il modello estetico attuale ( pure oggi su repubblica.it ).



Ma mai, MAI, che si siano tirati indietro dal fare da veicolo a questi untori. E' inutile che si rammarichino della deriva a cui si lasciano andare certe ragazze, se poi ospiti una paginona con una campagna stampa come questa.
Con una mano intascano i soldi da questi spacciatori ( perchè il modello estetico proposto da certe maison nient'altro è che spaccio ), e con l'altra scrivono un editoriale indignato su quanto sia drammatico il perseguimento della magrezza estrema.











VI ricordate "Cristiana F. i ragazzi dello zoo di Berlino"? Da urlo disperante è diventato una sorta di manifesto della moda. Nell'abbigliamento. Nell'atteggiamento, e nell'estetica.
Vanno cercati anche in queste piccole cose i semi del deragliamento della civiltà occidentale.



Yang


Modello n.m. [pl. -i] 1 ogni cosa o persona ritenuta esemplare e, come tale, degna di essere imitata. 2 originale da riprodurre, a cui conformarsi ( Garzanti: Il Grande Dizionario della Lingua Italiana )



La Sinapsi Malata
( ma mica tanto ): "Imagine" nella versione degli "A Perfect Circle".
Una canzone ottimista come il pezzo di John Lennon riletta tutta in chiave minore.
Basta scendere di un semitono per stravolgere tutta l'armonia del brano. E tutto appare illuminato da una luce diversa.
Direte: "Che c'entra?"
Come diceva Moretti: "Eh... non c'entra, ma c'entra..."



A Perfect Circle - Imagine
Caricato da bloody16. - Video musicali, interviste agli artisti, concerti e altro ancora

39 commenti:

  1. A me fanno schifo ragazze di quel tipo e credo che la pensino così tutti i VERI uomini.

    RispondiElimina
  2. Il brano c'entra c'entra eccome : )
    Io credo che una vera bellezza non sia certo l'immagine di queste 2 scheletriche che secondo me rischiano pure di spezzarsi durante una scopata ahahahahha...
    Ma vogliamo parlare della Loren dei bei tempi???
    Quelle si che erano vere donne naturali e belle , che titrasmettevano sensualità , classe e savoir faire anche solo con un battito di ciglia .... una bella uajona se è bella è bella nun ce sta nient a fà ( traduco per i non partenopei : non c'è niente da fare !!! )... altro che Armani, Valentino.. se sei carina los ei anche con uno straccio indosso... con i soldi certe cose non te le puoi proprio comprare anche se ricorri alla chirurgia plastica !!!
    Saluti

    Desire

    RispondiElimina
  3. Ciau potremmo discorrere per ore su ciò che hai scritto in questo post.
    Crediamo che fondamentalmente ciò che manca davvero sia un modello culturale e mentale e sopra ogni cosa uno SPIRITO CRITICO.
    La massa oramai prende e mangia tutto quello che gli viene propinato, senza pensare se sia corretto o no, se gli piaccia o meno.
    C'è una voglia di finta emersione, ma in realtà è solo un desiderio di uniformità, il ragionamento comune è "esisto e voglio confondermi, non voglio essere diverso, ma nella mia uguaglianza agli altri voglio emergere".
    Mha, francamente credo che la colpa reale di tutto sia della gente, i mass media e tutti i mezzi di comunicazione hanno un ruolo, ma il ruolo che hanno è la gente che lo decide.
    Pure iO e Alice e pure tu immaginiamo, interagiamo con la gente e siamo bombardati da messaggi dai media sia indirettamente che direttamente, ma abbiamo sviluppato dei sensori che ci permettono di dire...questo sì e questo nu.
    Esiste un concorso di colpa. Noi crediamo nella ragione, nel senso critico e nel libero pensiero....se la gente non ama usarlo, perchè ovviamente quello che costa fatica spaventa i pigri, che vada avanti così.
    nOi siamo fiere di rappresentare sempre e comunque una minoranza.
    Buon wik iO e ALice

    RispondiElimina
  4. E se in realtà i ruoli fossero (anche) invertiti?

    Se fossero le ragazze normali, quelle che si sfanno al sabato sera, ad avere svolto il ruolo di modello per le modelle? E le modelle abbiano semplicemente portato all'estremo estetico quel modello?

    Non darei per scontato che l'esempio valga in un senso solo.

    RispondiElimina
  5. anche al corriere della sera piace molto acchiappare il grano di questi sartucoli spacciatori, anche a lor piacciono le immagini a colori di cagne anoressiche arrapate arroganti (magari nella stessa pagina del reportage sui bambini che crepano di fame)... per non parlare dello sconcio della moda pedofila, con quegli assurdi vestitini da mille e più euro con cui i genitori stronzi cancellano per sempre ogni speranza di crescita intelligente dei loro bambocci

    p.s. la verifica parole diceva "pretimen": spero volessero darmi del "Pretty" e non del prete... :D

    RispondiElimina
  6. dài, però confessate che la verifica parole ve la fabbricate da voi: subito dopo mi è apparso pectless, che mi suona tanto, a proposito di modelle anoressiche, "senza tette"... :-))

    RispondiElimina
  7. come dimenticare l'inarrivabile Audrey Hepburn???

    "immagine": interpretazione che la trasforma in qualcosa decisamente più intrigante.

    P&F

    RispondiElimina
  8. mamma mia che bel brano… e che bel post! il cerchio perfetto, che va dalle loro gambe alle mie braccia! la circonferenza loro è quella del mio dolce cranio! spero che sia indice di intelligenza! :) un saluto carissima coppia! :*

    RispondiElimina
  9. Ste scrocchiazeppi n'do cazzo vanno? -direbbe un saggio a Roma-

    Ma sta mazz e scop pecchè nunn a chiur rint o cess? -direbbe un saggio a Napoli-

    Per altri saggi confido in voi tutti, dagli autori ai seguaci...

    Fatto sta che il saggio vuole la carne. La carne è femmina. E tutto il resto è noia.

    Saluti dal Rospo Califfo Califano.

    RispondiElimina
  10. INNERES, anche a me da vero maschio mediterranneo non garbano questi tipi.
    Certo, converrai che un par di colpi in quel culo secco potremmo comunque provare a darli. E se proprio quel cavolo di coccige spigoloso facesse le scintille, da gran galantuomini romantici quali siamo ci accontenteremmo di una ricca pompa. O sbaglio?
    ps: per coloro fuori sintonia: Il commento appena letto è sarcastico ( non si sa mai ).

    RispondiElimina
  11. DESIRE, bel babà cremoso e intriso nel ruhm, la pensiamo ovviamente come te. Il fatto è che queste si vede bene che sono ( sarebbero ) due belle donne. Ma un certo tipo di estetica promuove il patimento francescan-cirrotico ( con saio di Tom Ford da 3.250,00 euro ) come viatico allo status di persona "cool" ( cristo! mi viene da vomitare solo a dire "cool" ). Questo è il processo contrario al riempirsi di silicone con un tubo di Saratoga. Quello che rimane costante è l'effetto amorfo che si persegue. La naturalezza, fatta di cellulite, stempiature, pancette e pappagorgie è paragonabile al demonio in certi ambienti. Te lo dice una coppia sportiva e piuttosto "smilza" che certi personaggi li frequenta.

    RispondiElimina
  12. IO e ALICE, sono d'accordissimo fino alla riga in cui dici che si cerca di confodersi nel branco. Quel che dici dopo, è, secondo me, molto opinabile. E' molto giusto quel che dici riguardo lo spirito critico perduto, addirittura fondamentale la libertà di pensiero.
    C'è però un PERO' grosso come un capannone: se entri in questo blog vieni accolto da un cancello dove si dice: ATTENZIONE QUESTO E' UN SITO INADATTO A UN PUBBLICO MINORENNE. Infatti, mentre è logico che chi è adulto e vaccinato come noi abbia mutuato un certo spirito critico, che cosa di può dire di una ragazzina di 9 anni che vede questa campagna su un giornale che legge sua madre? Che attitudine viene proposta come precetto per essere "figa"?
    Queste immagini sono 1000 volte peggiori di un sito pornografico. Non ci pensi a chi uno spirito critico ancora non può possederlo, e a cui viene data in pasto questa merda dalla più tenera età?
    Io lavoro nella comunicazione, e la regola numero 1 di chi comunica è che se si viene capiti male, la colpa è sempre del comunicatore. Mai di chi ascolta. Si dovrebbe sempre cercare di ricordarsi questa regola fondamentale.
    "Non hai capito un cazzo", ce lo possiamo dire fra amici. Quando la comunicazione è istituzionale deve essere oggettivamente giusta e non fraintendibile ( a meno che non si cerchi proprio il frainteso, come in questo caso ).

    RispondiElimina
  13. MARZIANO, è chiaro che è uno scambio fra moda e mondo.
    Però il drogato che era dalla parte "di qua della realtà" era un povero derelitto che aveva bisogno di aiuto. Non era certo un modello. Modello lo diventa in seguito al maquillage fatto da un certo fashion system, che ha sdoganato quello che dovrebbe essere eticamente riprovevole come l'arroganza, e lo ha elevato a prova del nove della figaggine posseduta.
    Infatti io contro queste due ragazze non ho proprio niente. Per quanto ne so, il giorno dopo questo shooting una delle due potrebbe essere anche andata a fare le foto della nuova campagna di Alma Verde Bio. Io ce l'ho con la stylist che decide come vanno truccate e che "pose" adottare ( uhmmm.... le "pose"... qui si che ci sarebbe da fare un altro post ). E ripeto, soprattutto ce l'ho con le anime belle dei giornali moralisti che grazie ai proventi delle raccolte pubblicitarie di Versace, poi ci pagano un giornalista che scrive un articolo contro l'anoressia.

    RispondiElimina
  14. ZIO, amen a te! Sai che sono stato più volte sul punto di scrivere un post sulla volgarità della disposizione della pubblicità all'interno dei giornali? Ricordi quando, ormai molti anni fa, gli articoli non venivano interrotti dalla pubblicità? Il video degli A P C l'ho messo apposta. Guarda le prime immagini. Si vede un bombardamento reale, gente morta o sofferente, mentre sotto scorrono i risultati sportivi. L'effetto è agghiacciante. Nel senso che rimaniamo freddi di fronte a tutto.

    RispondiElimina
  15. PS: ZIO, giuro che i codici non li facciamo noi. Ricordi che avevamo fatto anche un post a riguardo, prima delle ferie?

    RispondiElimina
  16. PAOLO, dici che è lei, la madre di tutta questa parabola? No, dai... Audrey era ( e' ) veramente un modello di eleganza e di genuinità che niente ha a che fare con 'sta merda. Sono contento che ti piaccia il pezzo. Sei un buongustaio e mi sarei meravigliato del contrario.

    RispondiElimina
  17. PET, Gli A Perfect Circle sono un side-project di Maynard Keenan dei Tool ( mica pizza e fichi ). I loro dischi sono tutti invariabilmente stupendi. Il più bello non è però quello di cover da cui è tratta questa versione di Imagine, ma è "Thirteenth Step", ormai fuori catalogo e che io aspettai troppo a comprare. Mannaggia a me. Sul "tubo" però c'è tutto. Sai cosa? A forza di scrivere mi è venuta sete. Che ne diresti di stappare un Primitivo o un Negroamaro alla faccia della cirrosi e di Donatella Versace?

    RispondiElimina
  18. ROSPO, a Firenze un saggio direbbe: A ME MI SEMBRANO CIUCCIATHE DALLE STREGHE. Rende bene l'idea, no? Ma l'hai vista la nuova pubblicità delle scarpe Barracuda col Califfo come testimonial? E' leggendaria! Da post, eh?

    RispondiElimina
  19. PS x ROSPO: "Facci ì lesso!" direbbe un altro saggio fiorentino a cui venisse richiesto cosa ne pensasse di queste due.

    RispondiElimina
  20. E soprattutto non sorridere mai.

    RispondiElimina
  21. Sono solo convinto che ogni lustro abbia delle sue specifiche estetiche ...

    e che la pericolosità di alcune (alludo all'anoressia) non mi sembra una novità recente.

    costantemente emergono estetiche (e condotte di vita) autodistruttive e decadenti ... (costantemente qualcuno meno solido purtroppo le segue fino in fondo)

    se siano imposte da opinion makers o che viceversa questi sappiano fiutare le tendenze e rilanciarle non saprei dire.

    in questo periodo trovo che ci siano modi neanche tanto innovativi (ad es a paragone dell'estetica punk).
    soprattutto molto meno pervasivi.
    esiste una forte diversità.

    La doppia morale dei giornalisti è invece un bel tema. Ma mi verrebbero ben altri argomenti dove potrebbe evidenziarsi in modo anche più drammatico.

    Cmq... se alla fine preferite persone non proprio smilze è per noi è solo una splendida notizia ;-)

    P&F

    RispondiElimina
  22. eccerto ci mancherebbe! ahia… mi duole dirvi che io ho tutta la discografia de "A perfect circle", non vasta tra l'altro, li ho comprati perché ero invaghita dei Tool (i cui lavori sono per me di gran lunga superiori, però)! vorrà dire che li ascolteremo mentre beviamo e mangiamo sempre alla faccia di… :)

    RispondiElimina
  23. Arguti eretici, mi ero impersonato nel Califfo proprio dopo aver visto la pubblicità in TV, nemmeno 10 minuti prima di commentare!

    Siete i Telepatici Erotici o gli Eretici telepatici.

    P.S.
    Ci si potrebbe fare un blog intero su quella pubblicità... Un solo post sarebbe riduttivo! :D

    RispondiElimina
  24. continuo a pensare, come mai. La moda propone donne effimere, malaticce, e arroganti. Gli uomini sbavano per tette e cosce, e mi dicono che li fa morire la mia dolcezza ( che se trovano dolce me, il fiele è un dolcificante all'aspartame allora). La tv propone solo culi e tette naturali! Guaaaaiii a dire sì alla chirurgia! Io in clinica ne facevo anche trenta al giorno. Anzi sessanta, se non parliamo per paio.
    LA tv è o no specchio della mostra società? O cerca di educarci all'impossibile? Io vivo fuori dalla realtà di reality, vanity far e outlet di moda. La tv è accesa per il suono. O per un telefilm- Ma dove si spegne per cortesia?

    RispondiElimina
  25. LORENZO, hai ragione! Mi era sfuggito questo inquietante particolare. Cazzo! Non ridono mai!

    RispondiElimina
  26. PAOLO aspetta: Qui sto parlando dell'arroganza di queste foto e dell'ipocrisia di chi gli fa da media. Non sto parlando degli stilemi che ritornano, come la peperonata. E molti mi sa che non si rendono conto che un discorso è un servizio di moda redazionale; cioè quelli che ci sono all'interno delle riviste, dove si crea un set e si riproduce una "situazione". In quel caso già da un bel pò si sono viste questo tipo di immagini. Tutt'altro è una campagna di questo genere. Cioè, l'immagine di un grande marchio di moda che su ogni rivista in ogni parte del mondo si propone in questa maniera. E poi non riduciamoci a parlare della pur grave anoressia. sull'anoressia, che in Quando io ho parlato di anoressia+lookdrogato+arroganza.
    "Fuck the system" era il motto, dell'originale nichilismo punk. Che è il contrario completo di questa roba.
    E comunque, non temere, un kilo in più o in meno non ci disturbano. Quando però iniziano a essere una dozzina... eh... lì diventa roba dura.
    Ma non nel senso buono!
    :-)

    RispondiElimina
  27. Grande PET! Sai che quella specie di poesia che avevo chiamato "Smeragdina", era in buona parte ispirata dal finale del video di "Parabola" dei Tool? Ovviamente era ispirata anche alla Tavola Smeragdina di Ermete Trismegisto, ma qui si va troppo sul sofisticato, e poi qualcuno mi taccia di voler fare il figo ( quando non ne so mezza ).

    RispondiElimina
  28. ROSPO, prossimamente troverò il tempo per dedicare una rubrica ai "Maschi Dominanti". Quelli che in qualche misura influenzano la mia maschialità. Chissà, potrebbe esserci spazio anche per il Califfo...

    RispondiElimina
  29. SETA hai centrato un aspetto fondamentale, di cui mi sono sempre dimenticato di parlare nei commenti. La differenza fra estetica femminile fashion e quella televisiva o cinematografica. La differenza sta nel fatto che l'estetica femminile della moda è dettata da... uhmm... devo trovare la parola giusta... ecco sì: nella moda, la donna è pensata da maschi froci. Nella televisione da maschi etero. A un maschio frocio delle tette e del culo sodo non interessa un cazzo. Le donne per lui sono androgini indefinibili. Il sogno di certi stilisti sarebbero donne piallate dotate di super clitoridi di una 20ina di cm. Che poi in effetti sarebbero maschi. Per fortuna esistono le donne vere, con le ciccie da palpare e da ciucciare, e da cui essere coccolati. E da aprire come succulenti cocomeri.

    RispondiElimina
  30. XXXX:D già ricordarne il nome è sapere 'abbastanza'! :)

    RispondiElimina
  31. PET, e io che credevo che l'avessi usata per fartici un tatuaggio sul petto!!!
    ;-)

    RispondiElimina
  32. Non è la mia parte migliore. Visti testo e significato; vista l'origine dell'equilibrio mio personale, direi che il luogo migliore sarebbe poco al di sotto delle fossette di Venere… parola d'ordine per la pubblicazione 'cuprevi', seh! :))))

    RispondiElimina
  33. Strana questa cosa:
    Più brami le tettone, e più le donne che poi mi piacciono sono quelle con poco seno...
    Triste ( ma mica poi tanto! ) fine di un mammone.
    ;-)

    RispondiElimina
  34. ahahahahahahahah! mitico! ghiandola mammaria precaria. Abbiam traslato il senso materno ormai! *

    RispondiElimina
  35. Come diceva la famosa pubblicità del furgone Ford:
    SIC TRANSIT GLORIA MUNDI

    RispondiElimina
  36. SEMPRE che quel sic! non sia un sigh! :P
    comodo il transit! 3)

    RispondiElimina
  37. Servi della gleba planetaria... Schiavi della ghiandola mammaria. Come dei simbolici Big Jimme, schiacci un tasto ed esce lo sfaccimme... :D

    RispondiElimina
  38. No, ROSPO. Qui ci voleva "La follia della donna". Sempre di Elio.

    RispondiElimina
  39. Una bella pompa? Si con energico risucchio

    RispondiElimina